skip to Main Content

La MAPPA non è il TERRITORIO – Punto di vista o realtà?

Uno dei presupposti della PNL è

“la mappa non è il territorio”.

 

Cosa significa esattamente?

 

Come afferma il Dottor Richard Bandler, il co-fondatore della Programmazione Neuro Linguistica, ognuno di noi crea una rappresentazione mentale, percettiva ed emotiva del mondo in cui vive. Cioè, noi creiamo una mappa o un modello da cui facciamo derivare il nostro comportamento. E la nostra rappresentazione del mondo determina in gran parte quale sarà la nostra esperienza del mondo, come lo percepiremo e quali scelte faremo.

Quindi, il territorio è la realtà, un fatto, un evento. Qualcosa che è al di fuori della nostra mente.

TERRITORIO = REALTÀ, ESPERIENZA, EVENTO

Mentre la mappa è la nostra rappresentazione interna dell’esperienza, il modo in cui ognuno di noi percepisce le cose. E la creiamo nella nostra mente.

MAPPA = RAPPRESENTAZIONE INTERNA DELL’ESPERIENZA

 

In pratica, come una carta geografica dell’Italia, non è l’Italia ma è una rappresentazione del territorio italiano, così la nostra “mappa del mondo” non è la realtà ma è la nostra soggettiva rappresentazione della realtà che ci circonda.

 

Così come, il menù del ristorante non è il pasto. A volte è una descrizione accurata e dettagliata di ciò che mangeremo, altre volte assolutamente no e ti ritrovi nel piatto qualcosa che non avresti neppure lontanamente immaginato.

In questi casi che succede?

Succede che guardi il menù, leggi di un certo piatto, lo immagini pure come sarà fatto e inizi a pregustarne la bontà.

Poi, ti arriva il piatto e resti deluso.

La stessa cosa vale per gli esseri umani.

 

Quindi, la “mappa” è nella nostra mente, sono le nostre percezioni.

MAPPA = PERCEZIONI, PUNTI DI VISTA

E il “territorio” è la realtà esterna, il mondo fisico, ciò che esiste.

TERRITORIO = MONDO ESTERNO

Questo accade perché noi filtriamo tutte le nostre esperienze facendole passare attraverso il setaccio delle nostre convinzioni e delle nostre precedenti esperienze.

CONVINZIONI – ESPERIENZE

E poiché il nostro vissuto è necessariamente diverso da quello di qualsiasi altra persona, noi vediamo una realtà diversa da quella che vede chiunque altro.

Questo è un concetto molto utile perché molte persone sono convinte che la propria mappa interiore sia una rappresentazione veritiera della realtà, quando invece si tratta di una vera e propria interpretazione.

Tendiamo a pensare che le altre persone siano come noi, ma in base a questo principio di PNL, ciascuno di noi ha un proprio modello interiore del mondo.

OGNUNO HA UN PROPRIO MODELLO INTERIORE DEL MONDO

Pensaci, se così non fosse, tutti si comporterebbero allo stesso modo dinanzi ad un evento.

E invece? I modi in cui le persone si comportano e pensano sono così tanto diversi e variegati!

 

Sono sicuro che è capitato anche a te qualche volta…

Magari, tu guardi un film con altri amici e, alla fine… stessi attori, stesse scene, stessi dialoghi eppure avete punti di vista diversi che spesso diventano giudizi e vi mettete a discutere su chi ha ragione e chi no.

 

Questo perché tendiamo naturalmente a pensare che la nostra versione sia quella corretta.

Ma in realtà, avete ragione tutti, sia tu che i tuoi amici, ognuno dal proprio punto di vista.

 

Quando pensiamo che tutte le persone abbiano la nostra stessa mappa del territorio e quindi interpretino i fatti esattamente come faremmo noi, finiamo per creare delle limitazioni e degli ostacoli che sono fuorvianti ai fini dell’efficacia della comunicazione.

LIMITAZIONI E OSTACOLI NELLA COMUNICAZIONE

 

Perciò, ogni mappa, per quanto accurata possa essere, non è e non sarà mai il territorio.

LA MAPPA NON È IL TERRITORIO

Sai quando questo è molto importante ricordarselo?

Ogni volta che stai comunicando con qualcuno.

Perché, tu e l’altra persona non state parlando di fatti oggettivi, si tratta sempre di un confronto fra diverse mappe.

Tienine conto quando giudichi, critichi, presupponi o pensi di leggere nella mente degli altri.

 

Fino a quando non trovi il modo di scoprire con esattezza qual è la mappa del tuo interlocutore è meglio astenerti da qualsiasi giudizio, altrimenti rischi di ferire gli altri, di dare consigli sbagliati o di fare delle figuracce.

 

Il tuo compito è quello di impegnarti a conoscere la mappa altrui.

Perché, ricordati che non esiste una sola mappa del mondo corretta.

 

NON ESISTE UNA SOLA MAPPA DEL MONDO CORRETTA

Ognuno ha la sua, e nessuna mappa è più vera di un’altra.

 

In quale circostanza potrai utilizzare questo presupposto “La mappa non è il territorio?”

IN QUALE CIRCOSTANZA LO UTILIZZERAI?

 

 

Partecipa anche tu al Programma di Allenamento Mentale TCWxlife

 

Segui la via del successo!

GLI ARTICOLI DEL BLOG

Back To Top

Il Mondo pone molti Ostacoli che
possono essere
Affrontati e Superati insieme
diventando Persone Migliori.
Gruppo Facebook, Canale Telegram e NewsLetter sono i Canali Riservati e Gratuiti dedicati alla Community del Coaching e della PNL.
Il nostro obiettivo è diffondere e facilitare la Crescita Personale e Professionale attraverso post, riflessioni, video ed eventi.