fbpx skip to Main Content

Perché la PNL nel Coaching

Questa domanda nasce dal fatto che esistono diversi approcci al Coaching e numerose metodologie a questo correlate.

L’EVOLUZIONE DEL COACHING

Negli ultimi anni, Il coaching ha guadagnato grande popolarità anche in Italia, che si tratti di Life Coaching per le singole persone o di Executive Coaching per chi lavora nel mondo aziendale e delle organizzazioni.

La maggior parte delle migliori aziende si avvale del coaching affiancandolo alla formazione per sviluppare il proprio personale. E le persone in generale possono oggi scegliere il coaching quando hanno dei momenti di stallo, dei limiti da superare o cambiamenti importanti da fare.

Come Trainer di PNL, riconosciuto a livello internazionale dalla Society of NLP del Dott. Richard Bandler, il Co-Fondatore della Programmazione Neuro Linguistica, nella nostra scuola di formazione “The Coaching Way” utilizziamo gli strumenti di PNL nel Coaching.
Perché?

COACHING E PNL

Perché mentre il Coaching si focalizza su che cosa una persona sta facendo e deve fare per realizzare una performance efficace

COACHING = COSA FARE

la PNL, con il suo processo di Modeling, si concentra su come realizzare una performance efficace.

PNL = COME FARLO

Il Modeling della PNL consiste nell’individuare e osservare esempi di performance di successo generate da persone che hanno capacità esecutive eccezionali e sono efficaci nel mettere in atto processi che realizzano con gradualità dei risultati eccellenti.

 

Il Coaching e il Modeling della PNL sono quindi due processi essenziali e tra loro complementari per realizzare delle performance ottimali in qualsiasi area.

 

Pensaci, in qualsiasi cosa tu voglia eccellere avrai bisogno di imparare delle cose da fare e soprattutto come farle.

 

Ad esempio, come si diventa un cuoco eccellente?

Oltre ad imparare quali sono gli ingredienti di un certa ricetta hai bisogno di capire come metterli insieme. E probabilmente per farlo, osservi qualcuno che lo ha già fatto, meglio se guardi uno di quelli davvero bravi nel farlo, giusto?

Ecco, stai utilizzando il Modeling della PNL. Quello che impari è una strategia o una ricetta (appunto) adatta a generare altre idee creative da applicare, anche in seguito, a situazioni diverse.

 

 

Secondo quanto affermato da Robert Dilts, uno dei massimi esponenti di PNL e Coaching a livello internazionale, queste due metodologie, insieme, creano un circolo virtuoso tra ciò che è necessario fare e come farlo.

COACHING E PNL: un circolo virtuoso

Il modeling indica come le abilità e le attività si realizzano al meglio. Il Coaching aiuta le persone ad interiorizzare e a mettere in pratica ciò che è stato modellato dalla PNL.

In definitiva, si realizza un apprendimento a doppio ciclo che consiste nel raggiungere due risultati: imparare cosa fare e come farlo.

 

APPRENDIMENTO A DOPPIO CICLO

Come dice un vecchio proverbio: “Se dai a qualcuno un pesce, lo avrai sfamato per un giorno, ma se gli insegni come pescare, lo avrai sfamato per tutta la vita”.

Esistono quindi molti approcci nel mondo del coaching, ma diviene sempre più evidente che combinarlo alla PNL produce una gamma di benefici e vantaggi chiave.

 

I 3 VANTAGGI DELLA PNL NEL COACHING

In particolare te ne voglio menzionare 3 di vantaggi.

VANTAGGIO 1: RAPIDITÀ

Uno dei più importanti è la rapidità. Le tecniche della PNL funzionano in modo veloce, a volte sorprendentemente veloce, creando cambiamenti significativi e duraturi anche in tempi brevi e con relativamente poche sessioni.

 

VANTAGGIO 2: ORIENTAMENTO ALLA SOLUZIONE

Un altro vantaggio è il fatto che il coaching con la PNL è “orientato alle soluzioni” e non ai problemi. Non ci si sofferma più di tanto su ciò che non va bene, ma si invita invece il cliente a concentrarsi maggiormente su ciò che desidera e si sviluppano strategie efficaci per raggiungerlo.

 

VANTAGGIO 3: PRATICITÀ

In terzo luogo, il Coaching con la PNL è pratico piuttosto che teorico. Anche se inevitabilmente vengono esplorati in una certa misura il problema o la situazione, lo scopo è quello di indurre il cliente all’azione, di fare in modo che faccia qualcosa di diverso se ciò che sta facendo al momento non funziona.

Infine, un coach di PNL incoraggerà la persona con cui lavora a pensare e agire in modo coerente e allineato con le convinzioni e i valori più profondi che la contraddistinguono, perché solo allora i piani di azione elaborati saranno veramente in linea con lei, con il tipo di persona che è e vuole diventare.

 

Ma è possibile fare Coaching senza la PNL?

È POSSIBILE FARE COACHING SENZA LA PNL?

Anche se è possibile fare coaching senza la PNL…(possibile?! Uhm!!!… rimandiamo ad un prossimo video l’approfondimento di questa riflessione) utilizzare gli strumenti e le tecniche che essa offre rende sicuramente i coach più efficaci.

 

LA PNL NELLA CASSETTA DEGLI ATTREZZI DEL COACH

Sì, gli strumenti offerti dalla PNL possono ulteriormente arricchire la cassetta degli attrezzi di un coach, in modo che possa occuparsi non solo del contenuto ma anche di un livello strutturale più profondo.

D’altronde, per migliorare i nostri risultati in un qualsiasi ambito, dobbiamo inevitabilmente cambiare qualcosa in ciò che facciamo e in come lo facciamo.

 

2 RISULTATI: IMPARARE COSA FARE E COME FARLO

Quindi, secondo l’apprendimento a doppio ciclo, attraverso la PNL nel coaching è possibile ottenere questi due risultati: imparare che cosa fare e come farlo.

 

 

 

Su quale tema vuoi applicare questo apprendimento a doppio ciclo?

 

 

 

 

Partecipa anche tu al Programma di Allenamento Mentale TCWxlife

 

Segui la via del successo!

GLI ARTICOLI DEL BLOG

Back To Top

Il Mondo pone molti Ostacoli che
possono essere
Affrontati e Superati insieme
diventando Persone Migliori.
Gruppo Facebook, Canale Telegram e NewsLetter sono i Canali Riservati e Gratuiti dedicati alla Community del Coaching e della PNL.
Il nostro obiettivo è diffondere e facilitare la Crescita Personale e Professionale attraverso post, riflessioni, video ed eventi.